Una lettera al capitano Gaetano

Oggi voglio dedicare questo articolo a Gaetano Fuso, un grande amico e fonte di ispirazione per me, affetto da SLA dal 2014, che ha fondato il progetto IO POSSO promuovendo iniziative tese a consentire, a chi è affetto da disabilità, di migliorare la propria qualità di vita, soddisfare i propri bisogni, realizzare le proprie aspirazioni e desideri.

Questa lettera è proprio per lui, il grande capitano Gaetano, che è venuto a mancare lo scorso anno.

Ciao capitano Gaetano, è cosi che ti chiamo e ti ho sempre chiamato. In questi sei anni sei stato un grandissimo punto di riferimento per me e per tanti, un esempio anche dopo la tua scomparsa. Quest’anno più che mai il tuo spirito, la tua guida è ancora più forte e presente tra noi.

Lo scorso anno purtroppo hai deciso di vivere in libertà nel cielo infinito, lasciando un grandissimo vuoto. Forse fisico, perché spiritualmente ti sentiamo ancora qui con noi. La pandemia ci ha allontanato, perché l’estate scorsa nel 2020 è stato tutto difficile e non siamo riusciti a vederci. Mi è dispiaciuto tantissimo non potermi confrontare con te. Mancavo dalla Terrazza Tutti al Mare da due anni.

Quest’anno è accaduto qualcosa di diverso e mi sono detta di voler vivere per me stessa. Dalla tua passione hai dato luce e forza e hai realizzato il più grande sogno dell’associazione IO POSSO, realizzando la Terrazza Tutti al Mare.

Così sono tornata lì, ho incontrato la tua Giorgia, le tue piccoline. Ho pensato spesso alla tua grande voglia di vivere e di essere libero, in quel corpo che purtroppo la SLA ha reso fermo. Fino all’ultimo hai comunicato a tutti noi una grande passione per la vita.

E mentre facevo il bagno in completa autonomia, mi sono detta quanto sono fortunata. Sono riuscita a venire al mare da sola, sono riuscita a godere di quelle giornate e respirare il mare, ho osservato quanto amore c’era in ognuno di voi della Terrazza. Mi sono goduta quell’oretta di libertà, senza ostacoli e barriere.

Riflettendo sul mare, ti ho chiesto cosa posso fare io nello sport. E mi è venuto in mente il progetto della SOFAO. Il progetto IO POSSO con Utopia è un salvadanaio che servirà ad acquistare la SOFAO (carrozzella da bagno e di accesso in acqua). Girerà con me e raccoglierà le donazioni di chi vorrà contribuire a questa buona azione.

Non saranno le monetine ad arricchire il valore di quel salvadanaio, ma l’amore delle persone che doneranno. Grazie capitano per quello che mi hai insegnato. Forza che domenica scorsa è partita questa iniziativa e durerà fino a maggio.

Forza capitano, te l’ho promesso e non ti deluderò! “

Ricorderò sempre una delle tue frasi: “Avere la forza di amare nonostante tutto per acquistare la libertà“.

Un abbraccio.
Grazia

Apri la chat
Contattami subito!