Un momento di riflessione

L’arrivo delle festività porta sempre momenti di grande riflessione per me. È il momento in cui tornano a galla i pensieri sui propri cari, le nostalgie, le assenze e le presenze. Sono giorni di forte emotività, che a volte mi portano allo sconforto.

In aggiunta l’arrivo della nuova variante del virus, mi ha molto spaventato, ho avuto nuovamente paura dell’isolamento, di rimanere sola, senza la mia rete di supporto, a guardare al di là di un vetro.

Non so se qualcuno di voi possa capirmi, ma quello che ho provato è la paura stessa di questo momento di sconforto personale. Sono sempre stata una persona forte e determinata, ho sempre trovato motivazione, forza, coraggio, impegno per tutto e per tutti.

In preda a questo momento di tristezza, ho voluto condividere i miei pensieri in un post sul mio profilo e sono rimasta davvero colpita dal risultato. Siete stati in tantissimi a inviarmi messaggi di conforto, rassicurazioni, parole vere, non di circostanza.

Questo mi ha fatto sentire enormemente fortunata, sono circondata da tantissime persone alle quali voglio bene e che tengono molto a me. In quel momento l’angoscia e la paura dell’isolamento forzato e l’ansia della solitudine sono spariti come per magia. Ma probabilmente di questo si è trattato, di magia. È incredibile la forza che si possa trasmettere anche dietro uno schermo e una tastiera, come ci si può sentire vicini, nonostante le barriere.

Sicuramente la cosa che mi manca di più è la relazione umana, il confronto, gli abbracci, i sorrisi, il vivere insieme agli altri le esperienze emozionanti della vita, condividere successi e sconfitte.

Posso solo essere grata a tutti voi, a me stessa e alla mia famiglia, per essermi stati accanto, per non aver mai mollato, per esserci in ogni modo, anche in questo periodo difficile.

Sto risalendo amici, sto tornando con delle belle novità. Continuate a seguirmi perché mi trasmettete ottimismo e fiducia.

Forse vi starete chiedendo il perché di questo post, che a tratti può sembrare un po’ triste. Quello che vorrei trasmettervi è che anche i più forti possono avere momenti di crollo. È importantissimo riconoscere questi momenti e aiutare chi ci sta intorno. A volte basta poco, un messaggio di conforto, un “come stai?”, un saluto dal giardino verso la finestra di casa.

“Ho imparato che ogni giorno dovresti spingerti a toccare qualcuno. La gente ama una carezza affettuosa, o soltanto un amichevole pacca sulla schiena”

Un abbraccio
Grazia


Contattami subito!