La mia rinuncia alla tappa di Roccaraso, per il bene collettivo

Come si intuisce dal titolo di questo articolo, ho rinunciato a prendere parte alla gara di handbike prevista per la scorsa settimana a Roccaraso. Ammetto che è stata una decisione molto sofferta, ma tutt’altro che difficile.

Purtroppo sono entrata in contatto con una persona positiva al COVID-19 e cosi ho preferito rinunciare al ritorno nelle gare per impedire la diffusione di un potenziale contagio. Chi segue il mio blog e i miei profili social sa da quanto tempo mi stavo preparando per questa importante tappa e l’impegno che ci stavo mettendo. Ma proprio per questo spero che il mio gesto possa essere apprezzato ed essere d’esempio per ognuno di noi.

In un periodo difficile, come quello che tutti ci ritroviamo a vivere da un anno e mezzo, è importantissimo secondo me mettere il bene del collettivo davanti al proprio. Ritengo sia fondamentale agire responsabilmente affinché insieme si possa sconfiggere questo maledetto virus.

Desideravo tantissimo tornare in gara e avevo promesso di arrivare al traguardo per tutti coloro che combattono e che hanno combattuto, ma ho dovuto rinunciare proprio per il bene del prossimo. Non ho una medaglia da regalare, ma posso donare la mia forza e la speranza.

Mi ha fatto davvero molto piacere che i miei sacrifici siano stati riconosciuti dal Comitato Regionale C.S.A, regalandomi il prestigioso riconoscimento “Premio all’Impegno Sportivo 2021”.

Tornerò a competere e ringrazio tutti coloro che mi hanno sostenuto e che continuano ad incoraggiarmi.

La vita ha due regole: la prima è non arrendersi mai. La seconda è non dimenticarsi mai della prima.

Un abbraccio
Grazia

Apri la chat
Contattami subito!